Spiritualità del Lavoro Scritti di Padre Piamarta - Congregazione Piamarta Brescia

Congregazione
Sacra Famiglia di Nazareth
via E. Ferri, 73 25125 - Brescia

  • Home page
  • invia ad un amico
  • Login
  • Visualizza schermo intero

Spiritualità del Lavoro

Riflettendo sull'agire umano ... a cosa serve la nostra azione?

 In ogni realtà/persona creata c’è una tensione mai risolta tra “ciò” che essa è (nel suo limite) e il suo “atto d’essere” (potenzialmente illimitato): nessun soggetto può esaurire il pieno significato del verbo. Nessuno può dire “io sono colui che sono”: questa identità/spontaneità è solo di Dio, mentre per l’uomo è "la" tentazione. Questa tensione (drammatica) tra la limitazione dell’essenza [divisione/molteplicità] e l’infinita possibilità dell’atto d’essere [unità] è il fondamento dell’agire e della storia delle realtà create che avviene nel tempo. 
 
Il limite, dunque, ha due significati: determina l’imperfezione ed è stimolo di attività. Come l’Amore, potremmo dire che anche l'Agire è figlio di Ricchezza e Povertà. Esso ha il duplice carattere di espansione (di ciò che si è) e di integrazione (di ciò che si può ancora essere): l’agire sottrae la persona al suo isolamento, la apre al rapporto, la innalza sopra di sé e la lega al resto dell’universo. Per questo nell’agire la persona realizza se stessa, trascendendosi.
 
L’agire umano ha sempre tre caratteristiche: è pensato, è voluto, è posto in un contesto di valori che lo motivano (mi piace, è utile, è bene). In ogni azione la persona, che lo voglia o no, si esprime nella sua totalità: ogni azione, quindi, si presenta come luogo strategico in cui il soggetto definisce la sua attitudine di fronte al destino, infatti si agisce sempre per la felicità. L’azione umana può andare a modificare un oggetto esterno (transitiva) e il soggetto si perfeziona in questa dipendenza. Oppure può rimanere interna al soggetto (immanente), come avviene nell’attività spirituale: e questo non crea nessuna dipendenza.
 
Il lavoro è un’azione per trasformare la realtà in base a un pensiero elaborato in un contesto sociale e vuole rendere disponibile un bene al fine di colmare un bisogno: nell’uomo il bisogno dice la povertà, il desiderio la ricchezza.